Address nel golf. Le sette linee che ti servono per prendere la mira

address-nel-golf-lezioni-di-address

L’address, nel golf, è definito da Federgolf nel suo glossario come la posizione definitiva del giocatore davanti alla palla prima di colpirla.

In pratica è un insieme di sette linee (immaginarie e disegnate dal corpo) che servono a capire dove stiamo mirando ancora prima di iniziare il movimento del backswing.

Queste sette linee sono:

  1. piedi
  2. ginocchia
  3. fianchi
  4. spalle
  5. occhi
  6. braccia
  7. faccia del bastone

Address nel golf e setup

Devo confessare che non ho ancora capito che differenza c’è tra l’address e il setup. Ma tanto questo blog non è, e non vuole essere, l’enciclopedia del golf ma solo un diario di sensazioni ed esperienze di un golfista principiante. Quindi se trovi qualche inesattezza non te la prendere. Chissà quante volte i tuoi amici al club ti hanno detto cose non vere e pericolose da introdurre nella tua routine. Non per cattiveria. Per ignoranza. E quando dico ignoranza intendo il vero termine: ignorare come stanno realmente le cose. Quindi, se sto sbagliando, chiedo scusa e invito tutti a correggere la mia ignoranza.

Hai mai sentito la frase attraversare la palla? Ecco cosa si intende…

L’impatto: cosa significa attraversare la palla (e non semplicemente colpirla)

Tornando a noi. Federgolf nel suo glossario definisce l’address (ma non il setup) come la posizione definitiva del giocatore davanti alla palla prima di colpirla. E lo fa usando alcuni modi dire quali “prendere l’address sulla palla”, “addressarsi”.

Tuttavia, autorevoli siti di golf definiscono il set up come tutto ciò che si deve fare prima dello swing. E cioè:

  • Allineamento della faccia del bastone al bersaglio
  • Impugnatura del grip
  • Posizione del corpo nei confronti della palla
  • Allineamento del corpo al bersaglio
  • Postura corretta

Boh… a me l’azione di posizionare il corpo nei confronti della palla e quella di prendere la postura corretta ricordano tanto le linee dell’address… Insomma… Nel prosieguo parlerò di set up e di address come sinonimi. Se non sei d’accordo parla adesso (o taci per sempre).

Le 7 linee dell’address

Su questo tema non ho nulla da aggiungere rispetto a quanto scritto nel meraviglioso pezzo a cura di Golf Distillery. Mi spiace ma è solo in inglese. Tuttavia qualche piccola osservazione la aggiungerei: ecco una curiosità e un paio di note (anzi tre) derivanti dalla mia esperienza personale.

La curiosità è che l’URL al quale è presente il pezzo si chiude con le parole setup-address. Lo riscrivo qui in chiaro (evidenziando la parte in osservazione) per farti vedere che non mento https://www.golfdistillery.com/swing-tips/setup-address/ E, se anche loro, si mettono a fare confusione tra setup e address ….

Address nel golf: le mie esperienze personali

Il mio pro mi ha insegnato a piegare le ginocchia DOPO aver preso posizione davanti alla palla. Mi spiego: io mi posizionavo davanti alla palla e contemporaneamente piegavo schiena e ginocchia. Ma questo è un errore. Invece prendendo posizione davanti alla palla curvando quel tanto che basta la schiena (come illustrato da Golf Distillery) e solo dopo piegando (leggermente) le ginocchia si ottiene una posizione molto più salda anche se perfettamente elastica. Sembra roba da poco ma fa la differenza.

Mi sono appuntato mentalmente tutte le azioni che devo fare prima di iniziare il take away. Queste ormai sono entrate nella mia routine che, come suole dire il mio maestro, fa parte integrante del colpo. Eccole:

  • Impugno il bastone facendo attenzione al grip
  • Mi avvicino alla palla considerando la distanza a seconda del bastone che ho in mano
  • Mi sposto lateralmente per posizionare la palla all’interno del mio stance in modo corretto (sempre considerando il bastone che ho in mano)
  • Piego la schiena
  • Piego le ginocchia (quel tanto che basta)
  • Sposto leggermente la testa verso destra. Leggermente. Il corpo a causa della presa sul grip è già inclinato quanto basta
  • Inizio il take away
address-nel-golf-postazioni-di-allenamento

Non ci crederai ma le primissime volte che praticavo, per non dimenticarmi, la sequenza del corretto set up me la sono scritta a caratteri cubitali e me la sono stampata. Ogni volta che andavo al campo pratica me la mettevo proprio davanti. Hai presente il divisorio tra una postazione e l’altra? Ecco. Fissata lì con del patafix (che è rimovibile e non rovina le proprietà altrui).

La terza nota è relativa allo stance.
Ma mi sono ricordato di aver già scritto fiumi di parole su questo argomento.
Dunque ti rimando al pezzo in questione.

E per oggi è tutto.

Ci si vede sul green

Approfondimenti

Lo swing nel golf: un’opportunità per migliorarsi all’infinito

Lo swing: tutto quello che ti serve per imparare a farlo

Il grip nel golf: impugnare il bastone correttamente significa migliorare metà del tuo swing

La posizione della palla nello stance

Backswing: ecco come caricare la molla

Hesitation golf: un momento per coordinarsi e prendere il ritmo

Downswing: problemi di rotazione dei fianchi? Non sei l’unico…

L’impatto: cosa significa non colpire la palla ma attraversarla

Il finish: dopo un buon movimento c’è sempre un buon finale

Potrebbe anche interessarti...