Hesitation golf: un momento per coordinarsi e prendere il ritmo

hideki matsuyama insegna cos'è l'hesitation nel golf

L’hesitation è un momento, che dura una frazione di secondo, che potresti provare a inserire tra il backswing e il downswing. Non pregiudica l’intero swing. Anzi a me l’ha migliorato.

In ordine cronologico l’hesitation sta tra il backswing e i downswing.
Questa piccola pausa da fare all’apice del backswing non me la avevano insegnata.
L’ho scoperta studiandomi un po’ di video.

Ad esempio, studiando lo swing di Hideki Matsuyama.
Guarda i primi secondi del video. Hai visto come questo pro si ferma qualche istante prima di iniziare il downswing?

Ovvio che non sono Matsuyama… però da quando ho scoperto questo decimo di secondo di pausa, il mio swing è cambiato. In meglio.

Lo swing nel golf è un movimento complicato.
Nel tempo, parlando con vari amici e conoscenti, ho sentito descriverlo come un problema di ritmo, di equilibrio, di sincronizzazione, di bilanciamento, etc… Mai di un problema di forza.

E in effetti è proprio così: coordinazione ecco la parola che – secondo me – spiega molto bene la complessità dello swing.

Sicuro di sapere tutto sul backswing? Scoprilo

Il backswing: ecco come caricare la molla

Ma, per coordinare i movimenti, chiunque ha bisogno di qualche decimo di secondo per pensare e mettere in ordine la sequenza di movimenti da eseguire.

Un po’ come i tuffatori che prima lanciarsi dalla piattaforma da 10 metri hanno bisogno di qualche secondo per rivedere mentalmente i movimenti da fare.

Nel golf questo momento nel quale si recupera la concentrazione (e si visualizza il colpo imminente) si chiama hesitation (o pause at the top of backswing).

hesitation-pausa-tra-backswing-e-downswing

Vediamo dove si colloca l’hesitation

Hai già eseguito il tuo backswing da manuale e sei con il bastone sollevato (diciamo) dietro la testa. Più o meno come nella foto qui sopra.

Ora che sei all’apice ti mancano ancora un bel po’ di movimenti….

1. spostamento del peso sul piede sinistro

2. iniziare a ruotare il bacino spingendo l’anca destra in avanti

3. iniziare a far cadere il bastone controllando l’arco che si dovrebbe fare

4. completare la rotazione del bacino accompagnando il movimento con le spalle

5. accelerare il movimento delle braccia per dare velocità alla pallina nel dopo impatto

6. rilasciare i polsi

7. colpire, pardon… attraversare, la pallina

8. finish

Per coordinare tutti i movimenti serve un momento di riflessione

Separare il backswing dal downswing con un momento nel quale riorganizzare le informazioni da eseguire mi è sembrata una splendida idea.

In fondo, dato che lo swing è un’altalena, c’è un momento in cui la velocità di salita si riduce a zero. Ecco… al posto di ripartire immediatamente prenditi un istante.

Serve per vedere in anteprima quello che dovrai fare tra un istante

ATTENZIONE: tra i commenti del video di B2G un utente ha postato un commento a mio avviso utilissimo. Lo riporto, ringraziando Alessandro per la nota;

“Secondo me il punto chiave è che la pausa deve sempre intendersi come parte di un unico movimento finalizzata a ricoordinare le leve, come avete spiegato. Troppo spesso, però, viene intesa come uno “spezzare” lo swing e a quel punto perde la sua efficacia”

Buon golf a tutti

Aggiornamento. Hesitation e respirazione, la coppia perfetta

Prova a darti il ritmo dello swing con la respirazione. Ne ho parlato diffusamente in questo post. In dettaglio: usa l’hesitation, usa questa frazione di secondo, come momento nel quale smetti di inspirare e inizi ad espirare. Vedrai che il ritmo migliorerà alla grande!

Approfondimenti

Lo swing nel golf: un’opportunità per migliorarsi all’infinito

Lo swing: tutto quello che ti serve per imparare a farlo

Il grip nel golf: impugnare il bastone correttamente significa migliorare metà del tuo swing

Address nel golf. Le sette linee che ti servono per prendere la mira

La posizione della palla nello stance

Il backswing: ecco come caricare la molla

Downswing: problemi di rotazione dei fianchi? Non sei l’unico…

L’impatto: cosa significa non colpire la palla ma attraversarla

Il finish: dopo un buon movimento c’è sempre un buon finale

La respirazione nel golf

Articoli consigliati